LOGIN:    
<<<
|  Menu  |  Tag
Live  |
Eventi  |
AgorÓ  |
Visitatori
Presentation  |  About us  |  Documents  |  Credits
ArsMeteo
OPERA   |  N.Autori: 28  |  N.Opere: 78  |  N.Tag: 5
<<< Sogno proibito - scritto di Vincenzo Ampolo del Giugno 2012 >>>

Marlyn Monroe

Sogno proibito

 

 

Aiuto Aiuto Aiuto.

Sento la vita avvicinarsi

e tutto ciò che vorrei

è morire.

Norma Jean

 

 

Il mito di Marilyn, simbolo di una femminilità inafferrabile e intramontabile, viene riproposto nel film di Simon Curtis, accolto come un’eco lontano, come un fruscio di vesti appena appena percepito.

Seduto, nel buio di una sala cinematografica, ho cercato l’emozione che non ho trovato, sfiorando l’enigma e il tormento di una esistenza in bilico tra il sublime e la follia.

Michelle Williams, che impersona la star degli anni ’50, ha provato la “missione impossibile” di far rivivere la dolce solitudine della diva, il suo gioioso dolore, la sua nostalgia spirituale, la sua voglia di immortalità.

Fantasmi di seduzione e nebbie di senso sembrano aleggiare fuori e dentro lo spazio scenico.

Ciò che rimane, che permane, a cinquant’anni dalla sua morte, è l’essenza della sua femminilità, il suo erotismo sognante, la poetica trasparente e drammatica che segna i suoi ultimi giorni.

Marilyn viene ricordata quest’anno, anche in Italia, con numerose mostre a lei dedicate, dal Museo Salvatore di Firenze (20 giugno-28 gennaio), all’Umanitaria di Milano (dal 19giugno al 10 luglio), e perfino al castello di Otranto, dove si ritrova “MARILYN”(1964), diventata per mano di Andy Warhol una icona Pop di prima grandezza.

Tutto ciò fa seguito ad una serie innumerevoli di “tributi” che artisti e scrittori continuano a dedicarle costantemente oltre la sua fine avvenuta a Hollywood nel 1962.

Tra questi contributi e rispetto agli eventi a “Lei” dedicati mi piace ricordarne uno a me molto caro, perchè anomalo nel suo genere e per me particolarmente emozionante.

Era l’estate del 1982 quando, in uno dei miei rari viaggi di piacere, approdai a Spoleto dove si teneva del XXV Festival dei Due Mondi. Per l’occasione venticinque artisti erano stati chiamati a interpretare Norma Jean , in arte Marilyn Monroe, ed a coglierne gli aspetti mitici e simbolici.

Operazioni visive di Pittura/Musica/Videotape/Psicoanalisi si susseguirono per l’intero soggiorno.

Il culmine emotivo fu raggiunto l’ultima sera con la rappresentazione di Sandro Gindro, compianto musicista, compositore, autore di testi teatrali e fondatore del mitico gruppo romano PSICOANALISI CONTRO, che portò in scena il suo insulto-poetico, il suo irriverente atto d’amore dal titolo: MA IL MIO NOME E’ MARILYN.

Cito dal testo:

…Le case sono alte, la città è grande. Le strade hanno paura. Un ragazzo rimane alla finestra, guarda di sotto. Il ragazzo è nudo e accarezza il suo ventre, lentamente…

 

Vincenzo Ampolo

Tag
Per intervenire sui tag Ŕ necessario identificarsi.
Se desiderate un identificativo o lo avete dimenticato,
potete contattare mail@arsmeteo.org

Opera inserita il23 Giugno 2012 • vista522 volte • con1 intervento (il 23 Giugno 2012)

opere correlate:
<<< >>>