LOGIN:    
<<<
|  Menu  |  Tag
Live  |
Eventi  |
AgorÓ  |
Visitatori
Presentation  |  About us  |  Documents  |  Credits
ArsMeteo
OPERA   |  N.Autori: 94  |  N.Opere: 467  |  N.Tag: 17
<<< Partire - racconto di Ambra Lazzari del 2006 >>>


Prima regola: non voltarsi.
Qualcuno avrebbe dovuto dirmelo, avvisarmi, mettermi in guardia sull'emozione che ti assale all'improvviso e ti prende a schiaffi.

Trolley alla mano e borsone in spalla, occhiali da sole in testa e ricordi nel taschino, mi sono fermata un secondo sulla scaletta dell'aereo che di lì a poco mi avrebbe riportata a casa e una forza misteriosa mi ha costretta alla torsione del busto. I piedi si sono mossi da soli, animati da chissà quale desiderio di regressione ed eccomi lì, ultima sulla scala, a guardare il profilo dell'isola. Un deprimente senso di vuoto si è beffato del mio desiderio di ritorno e una valanga di emozioni travestite da fotogrammi noti mi ha travolto. Un istante eterno per cercare il respiro perduto.

Il pensiero si è precipitato a fotografare i volti degli amici che non avrei più rivisto, l'appartamento luminoso nel quale mi ero addormentata, divertita, arrabbiata, annoiata e risvegliata negli ultimi mesi.

“Tutto è finito” diceva già da un mese il mio coinquilino.

Emmanuel, il tassista, mi intratteneva nel tragitto verso l'aeroporto e io non sentivo nulla. Non un brivido, non una lacrima implorante di sgorgare.

Poi alla stazione di Milano ho cercato disperatamente volti noti ormai distanti. Un ragazzo con la camicia a fiori, i capelli mori e le spalle larghe poteva voltarsi mostrando l'eterno sorriso di Mathieu. Una moretta minuta sembrava proprio Elena. Ma no. Soltanto sconosciuti.

Il mio mondo si è rovesciato come un calzino.

Avevo messo il piede su quel primo gradino sorridendo allegramente al pensiero del mio letto, del gelato di Grom, di Piazza Castello, degli amici a casa. Giunta al portellone del volo AirMalta ero già un'altra, intrisa di tristezza, nostalgica e disperata.

Flashback improvvisi continuano a colpirmi come pugni diretti allo stomaco. Morire, sì, è un po' partire.



Tag
Per intervenire sui tag Ŕ necessario identificarsi.
Se desiderate un identificativo o lo avete dimenticato,
potete contattare mail@arsmeteo.org

Opera inserita il29 Settembre 2007 • vista560 volte • con7 interventi (l'ultimo il 5 Luglio 2008)

opere correlate:
<<< >>>