LOGIN:    
<<<
|  Menu  |  Tag
Live  |
Eventi  |
AgorÓ  |
Visitatori
Presentation  |  About us  |  Documents  |  Credits
ArsMeteo
OPERA   |  N.Autori: 116  |  N.Opere: 512  |  N.Tag: 26
<<< Ci dev'essere un alieno - racconto di Edoardo Acotto  [Vecchi racconti 1998-2003]  del 1998 >>>

Ci deve essere in me un alieno


Ci dev'essere un alieno in me, da qualche tempo, entrato in me chissà come e chissà perché. È questa l'unica spiegazione per le stranezze che da un po' rilevo nel mio comportamento. Per esempio chi ha estratto l'aspirapolvere dall'armadio per montarne il manico al contrario? Io di certo non posso essere stato.

Non mi riconosco più: quando è iniziato? Ho perso il conto di me, e sì che tengo un diario apposta per capire le mie evoluzioni spirituali. Invece ora rileggendo il diario non mi capisco, sembra che non riguardi me, come fosse stato scritto da un altro, anche se ricordo le frasi scritte e gli eventi riferiti.

Chissà come sarà questo alieno, come nei film, verdastro e tentacolare oppure un gentile omino azzurrognolo? E come sarà entrato in me? Per quali vie fisiche o psichiche? Alla lunga mi farà del male oppure tutto è stato calcolato da un'équipe scientifica marziana affinché io viva bene per far da corpo a lui?

È vero che oggi ho pensato un'altra cosa, senza l'alieno, cioè ho pensato che forse sono vittima di un'illusione fin dalla nascita, per cui io non sono io, l'interno, bensì tutto il resto, l'esterno.

"Io" sarei ciò che non sono realmente, ma un benefico incantesimo mi avrebbe magari illuso fin dall'origine, per non farmi impazzire. Io sono il mondo, e ciò che mi sono abituato a chiamare "io" non sarebbe altro che il suo contrario, il punto di irrealtà, il non-io.

Ma questa spiegazione mi convince di meno.

L'ipotesi dell'alieno è più feconda.

Tra l'altro spiegherebbe bene perché oggi io osservassi con stupore, come per la prima volta, il viso di mia madre in mezzo al mare, mentre le davo lezioni di nuoto.

Quel viso non l'avevo mai visto così, e ciò sarebbe impossibile se io fossi ancora Edoardo e non il suo ultracorpo replicante.